31 agosto 2017

Come sfruttare i social network per incrementare il nostro business.

trovi questo articolo in:

Siete consapevoli che per un’azienda non essere presente sui media digitali è inammissibile, ma non siete convinti che una presenza strategica sui social network possa incrementare il vostro business?

Molti piccoli e grandi imprenditori, titolari di attività online e offline conoscono il potenziale che hanno i social network nel promuovere i propri prodotti e il proprio brand. Pur avendo sentito parlare di social media marketing e storie di successo, sono stati segnati da esperienze non troppo positive con questa realtà, quindi nutrono forti dubbi riguardo all’importanza di usare i social media in azienda.

Non è facile trovare la giusta chiave per il successo del proprio business, ma essere presenti su Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest ed altri canali sociali è sicuramente una vera e propria miniera d’oro per chi desidera incrementare le proprie vendite online. Ma questo è possibile solo se si usa la giusta strategia.

Vediamo insieme come impostare una presenza strategica sui social network.


Le 7 regole d’oro per una presenza strategica sui social network! 

  • Regola #1: Stabilire gli obiettivi.
    Fare marketing non significa solo “promuovere” prodotti o servizi, ma anche pianificare una strategia da adottare e obiettivi da raggiungere. Gli obiettivi sono una componente molto importante perché costituiscono lo strumento di misura della strategia e devono essere S.M.A.R.T: specifici e misurabili per poter capire e determinare quando sono stati raggiunti, accessibili e realistici per porsi dei traguardi e scadenziati temporalmente.
  • Regola #2: Analizzare il target.
    Questo è il secondo passaggio perché dipende molto dall’obiettivo prefissato. Se si vogliono fidelizzare clienti già acquisiti, l’azienda ha già un target ben preciso e ne conosce le caratteristiche. Ma se l’obiettivo è “raggiungere il pubblico dei più giovani” o “coinvolgere maggiormente le donne (o gli uomini)”, ovvero categorie che non fanno parte della clientela effettiva, allora il target è diverso ed è tutto da ridefinire. Ovviamente questo significa conoscere non solo la loro età, il loro sesso, la loro provenienza, ma soprattutto quali sono i loro riferimenti culturali, i loro interessi e le loro preferenze.
  • Regola #3: Decidi quale social network è migliore per il tuo business.Una volta stabilite le persone da raggiungere, è necessario trovare il mezzo più adatto. Ogni social network ha delle caratteristiche peculiari: Facebook, per esempio, può essere l’ideale se si è padroni di una piccola azienda con sede fisica, perché permette ai clienti di capire dove si trova la sede, gli orari dell’attività, e l’offerta messa a disposizione; se invece la strategia verte sull’uso dei video, la scelta può ricadere su Youtube o Instagram. Infine, se si vendono beni di lusso per gli adolescenti è possibile sfruttare Snapchat, che attualmente risulta essere la piattaforma più utilizzata dagli under 24. Ovviamente non si può essere su tutti i social, ma non si può neanche pensare che Facebook sia l’unico social network per i professionisti. A seconda degli obiettivi, del target e dei punti di forza è necessario decidere quali canali sono i più adatti per incrementare un determinato business.
  • Regola #4: Stabilisci di cosa parlare.
    Uno dei grandi dubbi che hanno tutti quando iniziano a usare i social network per il proprio business è: di cosa devo parlare? La tentazione è quella di voler incrementare a tutti i costi le vendite della propria azienda, così si iniziano a riempire le pagine di pubblicità riguardanti i propri prodotti e offerte. Quando ci si accorge però che le vendite non sono aumentate, i profili vengono abbandonati. Altri professionisti, invece, hanno già provato ad utilizzare questo canale in passato, quindi non iniziano proprio, pensando che sia semplicemente uno spreco di denaro. Sicuramente i profili social network per le aziende non devono essere confusi con un mercato dove si urla più forte degli altri per piazzare la propria merce. Un vero imprenditore lo sa bene: non solo raggiungere i clienti è importante, ma anche essere in grado di offrire assistenza, dare ai clienti qualcosa che dai competitor non trova. Quindi deve stabilire dei modi alternativi e creativi per raccontare l’esperienza della gente: la prima cosa da fare è un buon customer service. Chi ha già un profilo aziendale deve osservare cosa dicono i suoi clienti: sono soddisfatti del prodotto o del servizio? Non date per scontato che un cliente si prenda il disturbo di scrivere un feedback positivo. Se lo fa, ringraziatelo subito. Se invece espone una lamentela o una critica sui servizi, non usatela come pretesto per chiudere il profilo, ma come un’occasione per trasformare la critica in un cliente soddisfatto. Un cliente che riceve una buona assistenza dopo aver avuto un problema si trasforma in un follower, e ci sono buone probabilità che diffonda la voce tra i suoi amici sul buon servizio ricevuto. In secondo luogo è necessario parlare di ciò che i clienti cercano. Creare un’atmosfera intorno al brand, creare una storia, spulciare il web alla ricerca delle notizie più interessanti relative alla nicchia di riferimento, conquista la fiducia dei clienti che saranno più propensi all’acquisto. Secondo il sito socialmediatoday.com la giusta proporzione per non risultare degli spammer è 70-30, ovvero il 70% delle volte parlare di argomenti generali e il 30% promuovere i propri prodotti. Infine, è necessario coinvolgere i clienti nelle attività, a farli diventare dei “consum-attori”. Bisogna essere creativi, fare in modo che loro stessi vogliano partecipare alle discussioni sui social network e condividere determinati contenuti.
  • Regola #5: Crea e coltiva un blog aziendale.
    Come dimostrano ormai diverse analisi effettuate su web e social, i potenziali acquirenti sono letteralmente affamati di informazioni, per cui il compito di un’azienda è quello di fornire loro i migliori contenuti che possano soddisfare il loro fabbisogno informativo. Creare contenuti eccellenti e rilevanti all’interno di un blog e distribuirli all’interno di profili social network aziendali, è quindi un “obbligo continuo” per chi vuole aumentare le proprie vendite.
  • Regola #6: Abbi pazienza e costanza.
    Costanza perché viene richiesto impegno, tempo da dedicare e perseveranza anche se non si vedono risultati immediati. Pazienza perché qualsiasi strategia in ambito social è sicuramente a lungo termine, ma alla fine produrrà i suoi frutti e darà grandi soddisfazioni.
  • Regola #7: Analizza i dati.
    L’analisi dei dati e delle performance per ottimizzare le attività di social network per il lavoro è fondamentale per rendere potente la comunicazione. Il monitoraggio sui social media offre la possibilità a chi si occupa del marketing aziendale di prendere decisioni importanti, su dati oggettivi e misurabili, valutando le opportune ottimizzazioni per generare KPI sempre più in linea con gli obiettivi. Per effettuare l’analisi sui Social Media si possono utilizzare strumenti gestiti dalle singole piattaforme Social (come Facebook Insights, Twitter Analytics, Google MyBusiness, Pinterest Analytics) oppure si possono sfruttare strumenti gratuiti o premium che sfruttano i codici API dei social network e che danno la possibilità di analizzare parametri quali il tasso di engagement, interazioni, visibilità dei contenuti, target e influencer coinvolti.

Conclusioni

I social network per le aziende sono degli strumenti dalle infinite potenzialità che sono in grado di migliorare tantissimo le proprie opportunità di business.

Una presenza strategica sui social network, infatti, permette di costruire relazioni, aumentare il traffico al sito internet aziendale, aumentare la brand reputation e soprattutto… fare Digital PR!

Sfruttarli però non significa solo esserci, ma saperlo fare nel modo migliore.

E tu, rispetti già le 7 regole d’oro del successo sfruttando i social network per il tuo business?
Divertiti con il nostro quiz online per scoprire il grado di digitalizzazione della tua azienda! 

share this on...