14 giugno 2017

SEO Case Study: più di mille keyword posizionate in soli sei mesi!

BePrime | Categoria:

Il caso di studio che oggi vi presentiamo riguarda Idroclic, un e-commerce relativamente giovane, dedicato all’idraulica, alla rubinetteria, alle ceramiche e agli accessori bagno.

L’analisi della situazione iniziale, effettuata nel Novembre 2016 aveva evidenziato come il sito del cliente non fosse di fatto visibile online per alcune delle parole chiave rilevanti nel suo settore. Tra le principali cause di questo problema è stata identificata una mancata ottimizzazione SEO on-page e off-page; infatti, il sito mancava totalmente di contenuti. 

Gli obiettivi che BePrime si era proposta di perseguire erano quindi molteplici:

  • far conoscere il brand;
  • intercettare gli utenti più interessati all’acquisto dei prodotti proposti;
  • aumentare il traffico al sito;
  • convertire gli utenti in clienti effettivi.

L’opinione del nostro SEO Specialist.

Parliamo direttamente con l’esperto che si è occupato di questo progetto…

Intervistatore: “Come hai dai dato via alla strategia di posizionamento?”

SEO Specialist:Idroclic ha un e-commerce molto vasto e fare SEO su tutto il sito poteva essere controproducente, quindi inizialmente ci si è concentrati sulla categoria della rubinetteria e su alcuni brand di prodotti di cui l’azienda è rivenditrice ufficiale, in particolare quelli che avevano meno concorrenza.

Sono stati creati dei testi studiati appositamente sulle parole chiave principali emerse dallo studio, al fine di dare la migliore rilevanza possibile a queste pagine in termini di posizionamento nei motori di ricerca. Ovviamente le pagine sono state ottimizzate da ogni punto di vista, dall’URL, ai TAG title e description, fino alle titolazioni.

Inoltre, mentre svolgevo l’analisi delle parole chiave per il settore della rubinetteria, ho notato che comparivano alcune keyword correlate che portavano un buon volume di traffico, come ad esempio “rubinetteria classica”, che non era un argomento trattato nel sito. La proposta di inserire nuove categorie è stata accolta molto bene dal cliente, e ti dirò che sin da subito hanno riscosso un gran successo da parte dell’utenza!

Accanto alla strategia on-page ho lavorato in collaborazione dello sviluppatore esterno al fine di rendere la navigazione degli utenti tra le pagine più fluida e piacevole: sono stati migliorati i tempi di caricamento e gestiti i contenuti duplicati (che come ben sai è un problema che affligge molto spesso gli e-commerce…).

È stata anche svolta una sapiente attività di link building, con link rilevanti e di qualità, che inizialmente puntavano verso la home page e successivamente sul focus “rubinetteria bagno”, con l’intento di incrementare la notorietà e la riconoscibilità del brand, oltre che dei suoi prodotti. L’attività SEO svolta lato on-page e off-page ha portato dei buoni risultati sia in termini di ranking sia in termini di traffico organico sul sito.

I: “In termini di risultati organici, puoi dirmi qualcosa di più?”

S:Certamente, come potrai notare dai grafici c’è stata una crescita importantissima del traffico organico, che in sei mesi è passato dal 6 all’11%, ed attualmente è in continua crescita! Nel periodo Febbraio-Aprile sono state registrate 2965 sessioni in più rispetto ai 3 mesi precedenti. Questo ovviamente si deve alla crescita del numero di parole chiave posizionate, che sono passate da 261 a 1415. E ti basti sapere che la keyword con maggior competitività (“rubinetteria bagno”) ha avuto un balzo pazzesco! Per non parlare di “rubinetteria classica”… una gran soddisfazione.

La scelta di concentrarsi su questo focus specifico ha portato una crescita generale dal punto di vista dell’ autorevolezza del sito, permettendo anche il conseguente miglioramento di posizionamento per sottocategorie/prodotti legati ai topic principali.

Tra le prime dieci parole chiave per volume di traffico che si posizionano nella prima pagina dei risultati, inoltre, si possono trovare keyword di brand, come Remer. Da questo punto di vista il sito sembra avere acquisito una buona autorevolezza anche agli occhi dei motori di ricerca: se cerchiamo Idroclic in Google, tra i termini correlati troverai sicuramente qualche associazione a questo brand.

Ovviamente, oltre al numero totale delle parole chiave posizionate, sono cresciute gradualmente anche le parole chiave che raggiungono la prima pagina dei risultati di ricerca: si è passati dalle 12 keyword in prima pagina del novembre 2016, alle 81 di fine aprile 2017… ti devo dire altro? 😉

I: “Direi che i risultati sono pazzeschi! Come si è deciso di continuare l’attività di ottimizzazione al termine dei sei mesi di contratto?”

S:Il cliente è stato molto soddisfatto del lavoro fatto, quindi ha rinnovato l’attività SEO per un altro anno. Oltre alla classica attività di monitoraggio e fine-tuning sul lavoro già svolto procederemo con l’ottimizzazione di alcune sottocategorie che non erano ancora state prese in considerazione. Inoltre si proseguirà l’attività di link building già avviata, per mantenere e migliorare i risultati raggiunti finora in termine di riconoscibilità e autorevolezza.

Conclusioni

In parole povere, questo progetto sta riuscendo perché fin dall’inizio il cliente è stato orientato e accompagnato da BePrime nelle scelte più strategiche, con il fine principale di aiutarlo al raggiungimento degli obiettivi, che in questo caso sono stati addirittura superiori a quelli prefissati. Fin dall’inizio il cliente e i suoi collaboratori si sono messi a totale disposizione dell’agenzia e questo ha permesso l’ottenimento di risultati che, altrimenti, difficilmente sarebbero stati raggiunti.

Se siete rimasti scottati da precedenti esperienze negative nell’attività di Search Engine Optimization ci auguriamo che case study SEO come il nostro siano di ottimo spunto per continuare ad investire in questa strategia vantaggiosa. 

Se vuoi scoprire in che modo si possa adattare alla tua realtà, richiedi la tua mezz’ora di consulenza gratuita con uno dei nostri Specialist 

share this on...