27 Giugno 2019

Ampio spazio all’innovazione digitale e sociale al Web Marketing Festival!

Monica Brignoli - SEO Specialist - BePrime | Categoria:
web marketing festival

Si è da poco conclusa la 7ª edizione del Web Marketing Festival, il più grande evento italiano sull’Innovazione Digitale e Sociale, tenutasi a Rimini nelle giornate del 20-21-22 Giugno 2019.

L’agenda della tre giorni è stata ricca di novità con oltre 21.000 presenze, 500 speaker ed esperti di tutto il mondo, 70 eventi di formazione e un palco Mainstage che ha accolto concerti live, ospiti prestigiosi e panel dedicati a temi di attualità.

festival web marketing

Innovazione sociale al WMF: ogni azione deve mettere al centro la costruzione della società.

The Dark Machine, band tributo dei Pink Floyd, ha dato il via alla prima giornata del Web Marketing Festival con un concerto di benvenuto: sulle note dell’album “The Dark Side of the Moon” hanno omaggiato sia il 50° anniversario del primo allunaggio dell’uomo che il 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino, due eventi storici il cui impatto, tecnologico e sociale, ha influito direttamente sulle diverse tematiche affrontate al Festival, come ha ricordato Cosmano Lombardo, CEO e Founder di Search On Media Group e ideatore del Web Marketing Festival.

Ogni azione e attività deve mettere al centro la costruzione della società. Siamo stanchi di applicazioni personalistiche del web, di utilizzi errati della tecnologia, dello sfruttamento degli strumenti di comunicazione per la diffusione di informazioni false, dell’avanzamento delle mafie, di azioni e attività che vadano contro la crescita e lo sviluppo del nostro paese

Cosmano Lombardo, CEO e Founder di Search On Media Group

Gli ospiti più attesi e discussi di questa edizione del Web Marketing Festival sono stati senza dubbio Roberto Saviano e l’ex sindaco di Riace Mimmo Lucano. Come ci si aspettava, sono stati due interventi inerenti alla realtà che viviamo giornalmente, tra fake news, disinformazione, integrazione ed accoglienza. Secondo Saviano “dobbiamo smettere di essere neutrali e di credere alle balle che ci dicono: gli immigrati vengono per mare perché la via legale non esiste. Chi parte è disperato e sceglie di andarsene e di non tornare in quei campi di concentramento e di violenza”.

A calcare l’onda di questa tematica anche il regista e sceneggiatore vincitore del David di Donatello Alessandro Di Gregorio e Federica Angeli, giornalista della Repubblica che da anni conduce un’importante lotta alla mafia romana, la quale ha spiegato quanto siano essenziali il diritto d’inchiesta, la libera circolazione di notizie attendibili e l’informazione sana e consapevole. Non sono mancati i momenti di svago e di intrattenimento culminati con alcuni artisti e youtuber come Giuseppe Azel Cuna, campione mondiale di beatbox, I Sansoni duo comico che si è fatto strada con una satira pungente, ma anche Casa Surace, I Soldi Spicci e Paolo Cevoli. 

Innovazione digitale: WMF significa anche We Make Future.

Oltre all’innovazione sociale, Web Marketing Festival è stato l’evento dell’innovazione digitale. Ad affiancare Cosmano Lombardo nella conduzione della seconda giornata, dedicata alla tecnologia, alla robotica e alle eccellenze femminili del settore, è stata Diletta Leotta.

Il primo panel della giornata ha visto l’intervento di Paolo Ciotti che ha illustrato i Megatrends del 2019. La parola è poi andata a Lorenzo De Michieli dell’IIT, direttore del Rehab Technologies Lab, che ha svelato il profondo legame tra robotica e salute, presentando protesi, esoscheletri e dispositivi che stanno rivoluzionando la riabilitazione e la cura della nostra salute. Daniele Pucci, ricercatore per l’Istituto Italiano di Tecnologia, invece, ha presentato iCub, il progetto altamente innovativo che pone l’accento sul rapporto tra uomo e robot umanoidi fondato sull’intelligenza artificiale.

Realtà aumentata

Tra le oltre 50 sale formative, alcune sono state specificatamente dedicate a Robotica, VRsAR, Intelligenza Artificiale, Open Innovation, Blockchain, Big Data. Tra i temi trattati: 5G, Aerospace, Cyber Security, Voice Assistant e molto altro. Ma non solo, anche start up e partecipanti hanno avuto l’occasione di mostrare a imprenditori e investitori i loro progetti di business. Alcune iniziative dedicate ad Innovazione e Startup sono state: l’Hackathon organizzato da ARXivar sui temi Blockchain e Artificial Intelligence, la Startup Competition e l’Area Innovation Technology, lo spazio espositivo dedicato a prototipi, nuove tecnologie e prodotti innovativi.

La formazione al centro: top 10 degli interventi più apprezzati.

La formazione è stata il baricentro dell’evento. Avendo seguito diversi interventi previsti nelle sale formative siamo riusciti a stilare per voi una top 10 di quelli che abbiamo maggiormente apprezzato:

#1 In “Quattro principi per il design di un e-commerce che vende”, Guido Frascadore ha svelato alcuni trucchi per cercare di massimizzare il funnel di acquisto AARRR (detto anche funnel dei pirati). Il processo cognitivo svolto dalla mente di un cliente che acquista sul nostro e-commerce è complesso e bisogna prestare attenzione ad aspetti quali: la brand consistency (definizione di una identità visiva consistente e coerente), il visual appeal (usare le immagini per esprimere i valori e le caratteristiche del brand e del prodotto), il trust (il sito deve dare fiducia per evitare il problema dell’abbandono del carrello utilizzando i badge delle certificazioni, fornendo più opzioni di pagamento, fornire informazioni sul corriere, mettendo le opzioni di reso in primo piano, etc.) e la customer experience (puntare sulla validazione sociale).

#2 L’interessante idea dell’intervento “Perchè dovrei comprare da te?” di Marco Loguercio nasce dalla considerazione che, ancora oggi, molti e-commerce prestano una grande attenzione all’immagine e al prodotto, a discapito dell’utente (che dovrebbe essere il vero protagonista), col risultato che molte possibili transazioni si trasformano in carrelli abbandonati. Attraverso una serie di esempi concreti, sono state fornite una serie di indicazioni “actionable” su come comprendere quali siano le esigenze che spingono un consumatore verso un determinato venditore.

Perchè comprare da te?

#3 Enrico Altavilla ha presentato uno speech dal titolo “SEO quotidiana: una tipica giornata di tecniche e attività SEO concentrata in 40 minuti”, dove ha fornito una serie di preziosi suggerimenti e tattiche per fare bene l’attività senza soccombere sotto la pressione di un sito web fatto e gestito “tendenzialmente col deretano” (cit.). Dalla formazione costante allo studio di migrazioni fatte male, dalle analisi per iniziare con il piede giusto un nuovo progetto all’operatività sui contesti internazionali… molti non lo sanno, ma la giornata di un SEO specialist può essere davvero delirante!

#4 In “La CBO è qui: come ottimizzare il budget su FB ADS”, Alessandro Frangioni ha esposto un approccio che permetta di aumentare, in modo esponenziale e con un costo di acquisizione stabile, i risultati e profitti derivanti dalle proprie campagne pubblicitarie. Ecco qualche spunto che abbiamo appreso: creare nuove campagne attivando l’opzione di ottimizzazione del budget, segmentare per tipologia di pubblico intercettato, fare test diversificati, inserire dei limiti minimi e massimi di spesa per gruppo e distribuire la spesa in modo uniforme.

#5 Filippo Sogus, nel suo interessantissimo intervento “Crawl Budget: come ricevere tutte le attenzioni da parte di Google” ha spiegato l’importanza di ottimizzare questo valore applicando interventi onsite e offsite che possano in qualche modo influenzare la frequenza di attenzione da parte di Google BOT al nostro sito, ad esempio modificare la struttura del sito, dei link interni ed esterni, il robots.txt, migliorare i tempi di caricamento, aggiornare e sfoltire i contenuti.

Crawl Budget

#6 Un altro degli speech da ricordare è sicuramente quello di Valentina Falcinelli “Fammi ridere, se ci riesci. L’ironia nella scrittura”. L’ironia può essere un tappeto rosso per attirare l’attenzione, portare le persone sulle nostre pagine e sperare che ci restino a lungo. Tuttavia, essere ironici è difficilissimo. L’intervento, ricco di esempi pratici e riflessioni, ha provato a rispondere ad alcune domande come: L’ironia funziona sempre, per tutti? Scrivere in modo ironico ci aiuta a raggiungere obiettivi significativi? L’ironia si basa su formule replicabili?

#7 In “La psicologia della fidelizzazione applicata all’e-commerce” Andrea Saletti ha spiegato che la fidelizzazione dei clienti di uno store online non dipende dalle best practice, ma dalla profonda conoscenza dei meccanismi psicologici che generano coinvolgimento, memorizzazione e “dipendenza” nelle persone. Il neuromarketing aiuta concretamente le aziende a comprendere bisogni e desideri inconsci dei consumatori. Il risultato è una forte diminuzione dell’errore in termini di investimento e un aumento di probabilità nel prevalere sui competitor di mercato.

#8 Come dimenticare il simpatico intervento di Enrico Marchetto, “I tuoi post su FB fanno schifo”? Ha fornito moltissimi esempi pratici per migliorare la  propria strategia di advertising online. Secondo la sua filosofia è necessario trovare il trigger point (attivatore) del proprio business, come ad esempio l’interpretazione di un comportamento del pubblico, i classici miti da sfatare, la polarizzazione dei post e la testimonianza delle persone.

Social Network

#9 “Anche i contenuti piangono (e ridono). Quali narrazioni per creare connessioni emotive con i pubblici” di Andrea Fontana è stato un social speech basato sul tema del content continuum, che ci assedia e ci sommerge con messaggi ed informazioni di diverse tipologie. Per emergere da questa situazione siamo chiamati a creare contenuti capaci di emozionare e di trasmettere qualcosa al pubblico a cui ci rivolgiamo.

#10 Infine, in “Decisioni data driven – Tracciare le azioni sul sito con Google Analytics e Tag Manager” Giovanni Sacheli, con il supporto di Matteo Zambon, ha spiegato l’importanza della tracciabilità dei dati, al fine di comprendere se la strategia di marketing sta funzionando, se i contenuti del nostro sito stanno convertendo, oppure se c’è qualcosa che blocca il meccanismo di acquisizione di un nuovo lead.

We Make Future è un claim che, anche nel 2020 e in piena continuità con quanto realizzato fino ad oggi, continuerà a mettere al centro la formazione e il miglioramento della società a 360°. Lo ha ricordato ancora una volta Cosmano Lombardo, affiancato da tutto il team del Web Marketing Festival, nel chiudere il sipario di un’edizione 2019 da record.

web marketing festival rimini

L’appuntamento per il prossimo anno è già lanciato: l’innovazione non si arresta!

share this on...

Vuoi ricevere le ultime novità sul mondo del digital marketing? Iscriviti alla newsletter